Cosa è il burn rate

Cosa è il burn rate?

Il burn rate è la velocità espressa in valore monetario / mese con la quale un’azienda, tipicamente una

Il burn rate è la velocità espressa in valore monetario / mese con la quale un’azienda, tipicamente una start-up perde denaro.

Infatti non sempre (quasi masi) una start-up è immediatamente profittevole. Per alcuni anni infatti può registrare perdite di profitti e di cassa, in attesa che il trend si inverta e diventi “self-sustainable”.

In questi casi gli investitori vogliono sapere con che velocità l’azienda “brucia” denaro, perché una volta consumato l’investimento iniziale, l’azienda dovrà:

  1. Ricapitalizzarsi
  2. Diventare profittevole
  3. Chiudere

Questo indice è nato all’epoca della bolla delle “dot com”, quando le start-up tecnologiche, dopo un primo round di finanziamenti, faticavano a trovare altro denaro fresco prima di cominciare a produrre utili.

Come si calcola?

Nei nostri business plan si calcola dal cash flow statement (rendiconto finanziario) dividendo per 12 la variazione di cassa (se negativa)

Ad esempio:

Supponiamo che un’azienda venga avviata con un investimento di 100 mila euro. Supponiamo anche che durante l’anno l’azienda abbia una variazione negativa di cassa di 60 mila euro. Avremo

Cassa iniziale:               100,000

Variazione di cassa:       -60,000

Cassa finale:                 40,000

Burn rate = 60.000/12 = 5000 Euro

Segui Financial Researches anche su Google+

About Giovanni Fasano

Giovanni Fasano si è laureato in finanza d’impresa alla Heriot Watt University di Edimburgo, conseguendo poi il Master of Business Administration nello stesso ateneo col massimo dei voti. Ha maturato un’esperienza ventennale nel campo della finanza d’impresa scrivendo business plan per progetti finanziati dalle più importanti società di venture capital mondiali. È consulente di panificazione strategica di società di capitali italiane ed internazionali e di analisi statistica per gruppi bancari ed assicurativi del Regno Unito. È esperto di valutazioni aziendali e del modello CAPM (Capital asset pricing model) applicato sia a società quotate sia al private equity.